Pane e pizza

Per auto prodursi pane e pizza da dove bisogna partire??? Beh un buon inizio è il lievito… Quindi per inaugurare questa sezione del blog vi proporrò la ricetta che ho usato io per  fare la pasta madre!

Fino al 1940 non si conoscevano  né la natura né il modo di agire del lievito di birra e al suo posto veniva usato il lievito madre, che, rispetto al lievito di birra ha tre grandi punti a suo favore:

  • è più digeribile,
  • fa si che il pane si conservi più a lungo,
  • è sempre presente in casa (a chi non è capitato di voler fare il pane alle 11 di sera ma si è trovato senza il lievito???)

La cosa più bella della pasta madre è che per fare un buon pane deve essere curata e accudita con tanto amore. La partenza è facile: basta mescolare 200g di farina con un po’ di acqua, un cucchiaio d’olio e uno di miele e magari un po’ di frutta secca. L’impasto deve risultare leggermente appiccicoso; bisogna fare una palla e lasciarla lievitare 48ore coperta da uno strofinaccio umido. Dopo 48ore si procede al primo rinfresco: si pesa la pasta e si aggiunge la metà del suo peso di farina e un po’ meno della metà del peso di acqua. Tutto questo deve essere ripetuto ogni due giorni. Dopo le prime settimane (o d’estate in cui è troppo caldo) si può scegliere di lasciar lievitare la pasta nel frigorifero e rinfrescarla ogni 3 giorni. Prima di fare il pane bisogno aspettare circa 2 settimane e i primi esperimenti non sempre sono ottimali (spesso il primo pane è un po’ acido) ma con un po’ di pazienza e una buona dose di perseveranza i risultati sono fantastici!! Una controindicazione c’è: il pane fatto in casa crea dipendenza! Quando si inizia a panificare costantemente, non si può più fare a meno di avere quel buonissimo odore di pane in giro per casa e, naturalmente, il pane comprato perde un bel po’ di attrattiva!

TESTIMONIANZA STORICA di nonna Flora:

Visto che stare a rinfrescare la pasta madre un giorno si e uno no può risultare un po’ brigoso e visto che dopo alcuni giorni ci si ritrova con tanta pasta madre sufficiente a fare due quintali di pane, si può tornare alle tradizioni di una volta: quando la pasta madre è pronta (avete già provato a fare il pane e viene bene senza retrogusto acido) dopo un rinfresco si mette una parte della pasta a seccare sul termosifone; quando risulta bella secca  bisogna ridurla in polvere; la sera prima di preparare il pane si mescola con farina e acqua in modo che riprenda la lievitazione, dopo una notte è di nuovo pronta per essere utilizzata! Naturalmente bisogna ricordarsi di tenere da parte un po’ di pasta per farla seccare nuovamente!!!

Spero di essere stata chiara, per qualunque cosa chiedete pure! Buona panificazione!

Futura (Figlia di LaBarbara)

Annunci

Una Risposta to “Pane e pizza”

  1. massimo Says:

    chi ha una ricetta da mettere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: